News dal settore sanitario

Cosa fare in caso di scottatura?

Quando fa caldo è normale scoprirsi di più. Ma se non ci si protegge adeguatamente dalle scottature, al posto di ottenere un bel colorito ambrato si rischia di ritrovarsi con la pelle rosso fuoco. In questi casi è importante agire in fretta.

Ecco alcuni consigli per evitare il peggio:

  • Spostarsi al chiuso. In questi casi, di solito, l’aria del condizionatore è percepita come fastidiosa, mentre gli spazi freschi e all’ombra offrono una sensazione piacevole.
  • Applicare un gel rinfrescante e idratante, da tenere eventualmente in frigorifero. Sono utili i prodotti a base di Aloe vera.
  • Se la scottatura è molto forte, si può utilizzare anche una schiuma specifica con un po’ di cortisone.
  • Impacchi rinfrescanti con tè nero: Per gli impacchi rinfrescanti, al posto dell’acqua si può preparare anche del tè nero leggero da utilizzare dopo averlo fatto raffreddare. Il tè nero è ricco di antiossidanti e tannini e ha un effetto lenitivo sulla pelle.
  • Da evitare, invece, i seguenti rimedi casalinghi: Nonostante molti siano convinti del contrario, aceto e succo di limone non sono adatti, perché possono irritare la pelle già stressata o provocare infezioni.

Cosa fare dopo i primi interventi per limitare i danni

  • Bere molto: Nel corso della giornata, è importante bere almeno 1,5 litri d’acqua per compensare la perdita di liquidi causata dalla scottatura e prevenire problemi di circolazione. Vanno inoltre preferite le bevande a temperatura ambiente, evitando quelle ghiacciate. Gli spray con acqua termale, reperibili ad esempio in farmacia, riducono la sensazione di tensione nelle zone ustionate.
  • Prendersi una pausa dal sole: Finché la pelle è arrossata, è meglio evitare di esporsi al sole. Ciò significa mettersi all’ombra, indossare abiti anti UV e utilizzare creme solari con un fattore di protezione elevato (almeno SFP 30). Infine, mai dimenticare gli occhiali da sole! Anche gli occhi risentono della luce solare, resa ancora più intensa dall’acqua e dalla sabbia chiara.

Maggiori informazioni in tema di scottature sono disponibili nei nostri consigli per la salute.


Acido folico, una vitamina portentosa

Per prevenire la spina bifida, alle future madri si raccomanda di assumere una quantità sufficiente di acido folico. In gravidanza, il fabbisogno giornaliero di folato o acido folico (la vitamina folato ricavata per sintesi chimica) aumenta notevolmente. Se l’apporto normale di folato è pari a 200-250 microgrammi al giorno, una donna incinta dovrebbe assumere almeno 400 microgrammi di acido folico sotto forma di integratori.

Maggiori informazioni sugli alimenti che contengono acido folico e quando è opportuno iniziare la profilassi.

La stagione dei funghi

Finferli, porcini, mazze di tamburo e molti altri: a fine estate i boschi svizzeri pullulano di funghi. Dopo averli raccolti e lavati con cura, il modo migliore per gustarli è cucinarli in padella con burro, sale e pepe. Tuttavia, prima di portare in tavola questa prelibatezza, è bene assicurarsi che i funghi siano davvero commestibili. Le autorità di controllo cantonali e comunali aiutano i cercatori a determinare correttamente la specie. Inoltre, in alcuni cantoni è vietato raccogliere più di due chili di funghi.

Associazione helpiS

Pecore, pinguini, scimmie, lepri e leoni: ecco i nuovi amici dei bambini in ospedale. I peluche di helpiS, che raffigurano diversi animali, rivestono le sacche per infusione rendendole meno «minacciose» e in questo modo aiutano i più piccoli a superare la paura dei medicamenti.

Scoprite come donare un po’ di gioia ai bambini in ospedale: helpis (in tedesco).

Cure infermieristiche: la Confederazione investe un miliardo di franchi

Il Consiglio federale vuole contrastare la carenza di personale infermieristico con una campagna di formazione. Nei prossimi otto anni, Confederazione e Cantoni promuoveranno la formazione in cure infermieristiche, stanziando fino a un miliardo di franchi. L’obiettivo del Consiglio federale è attuare rapidamente una parte importante dell’iniziativa sulle cure infermieristiche.

Più sicurezza per le protesi mammarie

Dopo incidenti che hanno visto coinvolte protesi mammarie in silicone e protesi di anche difettose, in Europa verranno inaspriti i requisiti per i dispositivi medici. Anche la Svizzera intende migliorare, per cui la Confederazione ha deciso di modificare l’Ordinanza sulle sperimentazioni cliniche con dispositivi medici.

I dati su lemievaccinazioni.ch non verranno restituiti

Gli utenti del libretto di vaccinazione elettronico della piattaforma lemievaccinazioni.ch non recupereranno più i propri dati. L’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza raccomanda di distruggere tutti i dati registrati relativi alle vaccinazioni. L’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP se ne rammarica, e ritiene che tale raccomandazione ponga fine a ogni possibilità di trovare una soluzione che soddisfi sia i requisiti legali che gli standard in materia di protezione dei dati.