Il dolore è inevitabile, la sofferenza è facoltativa

Dopo un esame di prevenzione, Andrea S. Müller scopre di avere un tumore allo stomaco. Questa diagnosi la costringe a confrontarsi con pensieri e sentimenti estremamente complessi. Nonostante tutto, però, riesce a superare pian piano la crisi esistenziale, anche grazie all’aiuto del suo care manager.
«La pazienza è la cosa più difficile, l’unica che valga la pena di imparare», afferma Andrea S. Müller, 55 anni, citando lo scrittore Hermann Hesse. Con calma e umiltà racconta che il 25 novembre 2019, dopo dodici anni, viene licenziata dal suo datore di lavoro per motivi economici. La sua vita subisce così una brusca svolta. La donna non fa in tempo a riprendersi da quella notizia, che una settimana più tardi arriva un altro duro colpo: dopo una visita di controllo le viene diagnosticato, a sorpresa, un tumore allo stomaco. Seguono ulteriori esami e accertamenti e infine viene stabilito il percorso terapeutico. Carmine Coscia, care manager di SWICA, è sempre al suo fianco: «Mi dà sostegno e motivazione, mi fa da specchio, conosce tutti gli interlocutori di riferimento e in più si offre ogni volta di farmi da tramite.» Il care manager la assiste anche da dicembre 2019 a febbraio 2020, quando si sottopone al primo ciclo di chemioterapia.

Sentimenti contrastanti

La cura scatena in lei una ridda di domande e sentimenti complicati. «La chemioterapia provoca reazioni schizofreniche: da un lato ero immensamente grata di poter avere il trattamento migliore al mondo disponibile in quel momento», spiega. «Dall’altro mi rendevo conto di aver scelto di rimanere sdraiata per ore in un letto bianco d’ospedale, mentre il veleno mi scorreva nelle vene.» La chemioterapia mette a dura prova il corpo di Andrea S. Müller e con ogni ciclo aumentano gli effetti collaterali e i disturbi. La donna cerca le parole giuste per raccontare la sua esperienza: «La chemioterapia provoca una distorsione del corpo, ci si sente lacerare. Si vorrebbe uscire dal proprio corpo, ma si è prigionieri lì dentro.» Il suo compagno, la sua famiglia e le persone vicine le hanno dato un grande sostegno in quel periodo tanto difficile.

Una scelta per la vita

Qualche settimana più tardi torna al Claraspital per l’intervento di asportazione totale dello stomaco: «Una scelta per la vita, alla quale ho detto sì», afferma con tono serio e profondo. Da subito deve modificare completamente le sue abitudini alimentari e rispettare tante regole diverse. Tutto questo richiede un’enorme quantità di tempo, disciplina e flessibilità. «Anche se ho ancora voglia di mangiare, devo fermarmi. Perché mi accorgo solo dopo se ho esagerato con il cibo.» Inoltre, a volte riesce a tollerare bene alcuni alimenti, altre volte per nulla. Spesso soffre di mal di testa o mal di pancia dopo mangiato oppure si sente stanca.

Qualche barlume di speranza

Dopo alcune settimane la aspetta il secondo ciclo di chemioterapia. Anche questa volta Andrea S. Müller si sottopone alle cure con grande spirito di accettazione: «Mi sono sempre detta che il dolore è inevitabile, ma la sofferenza è facoltativa.» Durante le lunghe ore di terapia si esercita a mantenere la calma interiore: accettare ogni momento, per quanto sia difficile, ripugnante e doloroso. «Impegnarsi in ogni momento e concentrarsi sulla guarigione: questo è un appiglio importante e utile per affrontare tutte quelle ore così tremende.» Alla fine si conclude anche l’ultima chemioterapia. Due settimane dopo la riabilitazione, Andrea S. Müller diventa nonna per la prima volta. «Sono successe tantissime cose, molte delle quali belle. E così ho capito che la vita continua.»
Andrea S. Müller è lieta di condividere le sue esperienze e di confrontarsi con persone colpite da tumore, allo stomaco o di altro tipo. Contattateci qui.