L’acido folico: una vitamina vitale

Che durante la gravidanza l’acido folico riduca il rischio di malformazioni nell’embrione è noto già a molti. Tuttavia, la maggior parte delle donne inizia troppo tardi una profilassi con l’acido folico. Anche nel caso di depressioni, demenza o allergie, l’assunzione di acido folico può avere effetti positivi sulla salute.

Il folato è una vitamina idrosolubile del gruppo B che è stata scoperta nel 1941. Se viene prodotta sinteticamente è denominata acido folico. Poiché il nostro organismo non è in grado di produrre da sé i folati, dobbiamo ottenerli con l’alimentazione.

 

L’acido folico in gravidanza

Il folato è essenziale per le funzioni cellulari e una corretta suddivisione delle cellule. Il fabbisogno giornaliero per un adulto è di circa 300 microgrammi. In concomitanza con una rapida crescita, come ad esempio all’inizio di una gravidanza, i folati sono particolarmente importanti. Per questo le donne, prima e durante la gravidanza, hanno un fabbisogno di folati nettamente superiore. Poiché con l’alimentazione assumiamo giornalmente in media al massimo 200 microgrammi di folati, alle donne in gravidanza si consiglia di assumere quotidianamente, in aggiunta, 400 microgrammi di acido folico sotto forma di compresse. L’ideale sarebbe iniziare ad assumere folati già tre mesi prima di cercare una gravidanza, perché il loro ruolo è determinante soprattutto nelle prime settimane di gestazione: è in questo periodo, infatti, che avvengono il primo sviluppo dei nervi e la chiusura del canale intorno al sensibile midollo spinale. Gli studi in questo campo dimostrano che un elevato livello di acido folico può ridurre dal 70 al 100 per cento il rischio di malformazioni («schiena aperta» o, in termini tecnici, «spina bifida»).

 

Effetto preventivo

Livelli sufficienti di acido folico non sono solo importanti durante la gravidanza: numerosi studi indicano che l’acido folico può fornire un contributo positivo anche nei seguenti ambiti: depressioni, allergie, iperattività, demenza, sistema cardio-circolatorio, invecchiamento della pelle e qualità dello sperma.

 

Alimenti contenenti acido folico

La vitamina, nella sua forma naturale, è presente in numerosi alimenti. Un ingrediente ideale – che troviamo in testa alla tabella dei cibi contenenti folati – sono i germi di grano, da utilizzare ad esempio su insalate, muesli o basi per torte. Pure ricchi di folati sono frutta e verdura, cereali integrali e prodotti caseari, legumi e salmone. Poiché la vitamina è molto sensibile alla luce e al calore e inoltre è idrosolubile, durante la preparazione si possono perdere tra il 50 e il 70 per cento di folati. Pertanto, se possibile, consumare la frutta e la verdura crude. In caso di cottura, spezzettare il meno possibile la verdura e cuocere solo per breve tempo. Nel commercio al dettaglio si trovano già quasi 200 prodotti ai quali è stato aggiunto acido folico. Si riconoscono dal marchio dell’acido folico sulla confezione, creato dalla «Fondazione Offensiva Acido Folico Svizzera».

SWICA è partner per la salute della Fondazione Offensiva Acido Folico Svizzera e la sostiene perché la vitamina ci accompagna durante tutta la vita e ha effetti positivi per la salute in svariati ambiti: www.stiftung-folsäure.ch/it/



13.03.2019
Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.