L’alimentazione durante l’allattamento

Un’alimentazione corretta è fondamentale non solo in gravidanza, ma anche durante l’allattamento. Anche dopo il parto, infatti, la madre ha bisogno di energia e sostanze nutritive sufficienti per garantire il proprio sostentamento e quello del bambino.
Quando si allatta al seno è importante seguire una dieta sana, varia ed equilibrata. In fatto di alimentazione, consigli e suggerimenti abbondano e per una neomamma non è certo facile orientarsi in questa giungla di informazioni. Quali sono gli aspetti importanti da considerare?

Fabbisogno energetico

Se desiderate allattare il vostro bambino esclusivamente al seno, dovrete assumere circa 500 calorie in più al giorno. Questo incremento del fabbisogno può essere coperto con una dieta più calorica oppure con le riserve accumulate durante la gravidanza; ciò consentirà di smaltire i chili in eccesso. Se però perdete più di mezzo chilo alla settimana, è bene aumentare moderatamente l’apporto nutrizionale. In ogni caso è sconsigliabile optare per una dieta ipocalorica o unilaterale. In questa fase non solo il bambino, ma anche il vostro organismo ha bisogno di energia e sostanze nutritive sufficienti per rigenerarsi dopo le fatiche della gravidanza e del parto.

Sostanze nocive e medicamenti

Un calo ponderale improvviso, indotto ad esempio da una dieta rigida, può anche mettere in pericolo il vostro bambino. Nel corso della vita di una persona, si accumulano nel tessuto adiposo anche sostante tossiche. Con un dimagrimento repentino, queste sostanze vengono liberate e finiscono nel latte materno. Per questo le neomamme devono perdere peso gradualmente e consumare con moderazione alcuni prodotti ittici come pesce spada, aringhe, salmone e tonno, poiché potrebbero contenere diossina e mercurio.

Evitate anche sostanze come caffeina, alcol e nicotina, che passano dal sangue al latte materno e causano danni al bambino. Ciò vale anche per i medicamenti, compresi i rimedi della medicina alternativa, il cui uso deve essere valutato attentamente chiedendo consiglio al proprio medico o farmacista.

Sostanze nutritive

Durante l’allattamento, il fabbisogno di sostanze nutritive può aumentare leggermente rispetto al periodo della gravidanza. Le vitamine e i minerali seguenti sono particolarmente importanti e vanno assunti in quantità sufficiente:

acido folico: verdura verde, pomodori, legumi e tuorlo d’uovo
vitamina C: agrumi, spinaci, peperoni, broccoli e ribes
vitamina D: pesce grasso, avocado, funghi e luce del sole
calcio: latticini, acqua minerale, noci e verdura verde
ferro: carne, tuorlo d’uovo, prodotti integrali, legumi

Assumete inoltre una quantità sufficiente di proteine, poiché il fabbisogno giornaliero di proteine durante l'allattamento aumenta di circa 7 grammi. Ciò corrisponde ad una porzione supplementare di latticini (ad es. 2 dl di latte o 1 yogurt al giorno in più). Una dieta vegana non è raccomandata.

Liquidi

Per produrre una quantità di latte sufficiente occorre bere due litri abbondanti al giorno; l'acqua naturale è la scelta più indicata.

Alimenti da evitare
In linea di principio, fate attenzione a come reagisce il bambino dopo la poppata. Ogni madre deve sperimentare cosa tollera il suo bambino. Alcuni alimenti, come aglio, cavoli e cipolle, possono indurre flatulenze nel lattante. Grandi quantità di agrumi, invece, causano talvolta problemi digestivi o eruzioni cutanee nella zona del pannolino. Ogni bambino è diverso.


21.05.2019
Per ulteriori domande sulla salute e sull’alimentazione del bambino gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.