Notti in bianco a causa del coronavirus

Il ritmo di sonno-veglia alterato e l'isolamento domestico dovuti alla situazione attuale hanno una forte influenza sulla psiche. Nel nuovo consiglio per la salute scoprite cosa potete fare contro i disturbi del sonno ai tempi del coronavirus.
Mi ammalerò? Oppure si ammalerà qualcuno della mia famiglia? Che impatto avrà il coronavirus sull'economia? Perderò il lavoro? Per molte persone la pandemia del coronavirus è fonte di preoccupazioni e stress psicologico. Ciò ha un impatto sul sonno: «Paure e preoccupazioni, così come un ritmo di veglia-sonno alterato a causa dell'isolamento domestico possono portare spesso a problemi ad addormentarsi o a dormire per tutta la notte senza interruzioni», spiega Alexander Rötger, psicologo e cofondatore di mementor GmbH. Se al mattino non bisogna essere al lavoro già alle 8.00, alla sera si tende a rimanere svegli un po' più a lungo davanti alla televisione. Per molte persone quindi l'home office ha un impatto sulle ore in cui ci si corica e in cui ci si sveglia al mattino. Ciò può avere anche conseguenze sulla psiche. Ma proprio nella situazione attuale è molto importante essere stabili psicologicamente e avere un sistema immunitario che funziona bene.

Paura, inquietudine e insonnia

La rete di alumni tedesco-cinese di medicina psicosomatica e psicoterapia DCAPP (Deutsch-Chinesische Alumninetzwerk der Psychosomatischen Medizin und Psychotherapie) ha analizzato recentemente più di 2000 chiamate alla hotline dei servizi psicologici. Il risultato indica che il 20 per cento delle chiamate erano dovute a problemi di sonno. Circa il 19 per cento ha parlato di paura, inquietudine e insonnia causate dalle notizie dei media sulla pandemia.
Paure e preoccupazioni, così come un ritmo di veglia-sonno alterato a causa dell'isolamento domestico possono portare spesso a problemi ad addormentarsi o a dormire per tutta la notte senza interruzioni. Alexander Rötger, psicologo e cofondatore di mementor GmbH

Quattro consigli contro i problemi di sonno dovuti alla situazione del coronavirus

I consigli seguenti aiutano a dormire in modo tranquillo e riposante anche ai tempi del coronavirus:

  • Mantenere il ritmo sonno-veglia abituale: il nostro corpo si adatta meglio al sonno se alla sera andiamo a dormire e al mattino ci alziamo più o meno sempre alla stessa ora. Se al mattino si passa più tempo a letto, si perde la pressione del sonno e la sera non ci si sente così stanchi come al solito. Ciò può portare a problemi ad addormentarsi o a mantenere il sonno. Quindi anche durante la quarantena bisognerebbe cercare di mantenere il ritmo sonno-veglia abituale.
  • Non farsi sommergere dalle notizie: attualmente le notizie negative riguardo al coronavirus si susseguono. Se ci si concentra troppo su queste notizie, le paure e le preoccupazioni potrebbero aumentare. Una possibilità di ovviare al problema è di seguire le notizie solo una volta al giorno.
  • Non lavorare in camera da letto: il nostro cervello è un esperto nel fare associazioni. Appena ci portiamo il lavoro in camera da letto, o addirittura a letto, durante gli orari dell'home office, rischiamo che il nostro cervello associ la camera da letto con lo stress e il carico del lavoro. Anche questo può rivelarsi negativo per il sonno. Si consiglia quindi di svolgere compiti stressanti in una stanza separata, o per lo meno il più lontano possibile dal letto.
  • Rimanere attivi durante il giorno: muoversi molto durante la giornata è sano e ha effetti molto positivi sul sonno. Se ci muoviamo molto il nostro corpo consuma energia e quindi avrà più bisogno di rigenerarsi. In questo modo si dorme meglio e si evita di farsi mantenere svegli dalle preoccupazioni.

Training del sonno online

SWICA offre ai suoi assicurati che dormono male un training del sonno online. In questo training imparate diverse tecniche per dormire meglio consigliate da esperti del sonno. Sul sito Internet di SWICA trovate maggiori informazioni sui problemi di sonno.


22.04.2020
Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.