Vale la pena camminare a piedi nudi

Vale la pena camminare a piedi nudi

Nonostante sia comunemente noto che camminare scalzi è salutare, quasi nessuno rinuncia alle scarpe. Nel nostro "Consiglio per la salute" vi suggeriamo come fare per "appendere al chiodo" le scarpe un po' più spesso.
Camminare a piedi nudi non è soltanto un'esperienza sensoriale piacevole, ma può avere anche un impatto positivo sullo sviluppo dei piedi, sull'andatura e sulla forza fisica. È quanto conclude Karsten Hollander, medico sportivo di Amburgo, nei risultati della sua ultima ricerca.

In uno studio condotto insieme ad alcuni colleghi di Amburgo e del Sudafrica, è infatti riuscito a mettere a confronto diversi bambini della stessa età che, da un lato, portano sempre le scarpe e, dall'altro, vanno in giro a piedi nudi. Ed è emerso che i «bambini soliti portare le scarpe» tendono maggiormente a sviluppare i piedi piatti, sanno saltare meno lontano partendo da fermi e sono meno abili a mantenere l'equilibrio camminando su una trave sottile rispetto ai loro coetanei che crescono circolando sempre scalzi. Anche Silke Schmitt Oggier, pediatra e responsabile medico di santé24 raccomanda: «I bambini dovrebbero camminare più spesso a piedi nudi. Ciò permette di allenare i molti piccoli muscoli del piede, il cui coordinamento può prevenire o migliorare le malposizioni del piede. Al contempo funge da massaggio».
I bambini dovrebbero camminare più spesso a piedi nudi. Silke Schmitt Oggier, pediatra e responsabile medico di santé24

I benefici per chi cammina scalzo

Anche da altre ricerche si sa che camminare a piedi nudi contribuisce ad attivare la circolazione, stimolare il metabolismo e migliorare il senso dell'equilibrio. Inoltre vengono rafforzati anche i muscoli, i tendini e i legamenti. In alcuni casi camminando a piedi nudi è persino possibile alleviare i problemi alla schiena, correggere le posizioni scorrette dei piedi e prevenire la comparsa di vene varicose.

Camminare a piedi nudi nella vita quotidiana

Ad ogni buon conto, sconsigliamo di rinunciare completamente alle scarpe dall'oggi al domani. All'inizio camminare a piedi nudi è molto faticoso per i muscoli. Inoltre sotto i piedi non c'è ancora lo strato corneo necessario a proteggerci da vesciche o ferite.

Tuttavia potete iniziare in qualsiasi momento a camminare un pochino a piedi nudi sul prato di casa oppure a togliervi le scarpe durante una passeggiata nel bosco per guadare un piccolo ruscello. Occorre soltanto ricordarsi di fare attenzione a non scivolare. Chi preferisce andare sul sicuro può provare a camminare a piedi nudi in un sentiero per escursioni e jogging.

Inoltre vi è anche la possibilità di cercare un apposito sentiero da percorrere scalzi oppure un percorso "Kneipp". Si tratta di sentieri preparati apposta in alcuni tratti per consentire a chi lo desidera di camminare a piedi nudi su lastre di pietra piatte, ciottoli fini, acqua, trucioli di legno, argilla o sabbia. Questo speciale tipo di sentiero permette di abituarsi a nuove sensazioni.

Pericoli

Quando ci si toglie le scarpe l'importante è fare attenzione ad oggetti appuntiti, pezzi di metallo, schegge di vetro, cocci o spine. Chi è allergico al veleno di api o vespe deve usare grande prudenza prima di ogni passo e fare attenzione soprattutto nei prati a non calpestare i fiorellini, dove si posano di solito gli insetti.

I più bei sentieri da percorre a piedi nudi in Svizzera

Sul sito Internet di Svizzera Turismo trovate i sentieri da percorrere a piedi nudi e i percorsi Kneipp.

SWICA è partner officiale di Svizzera Turismo e con questa collaborazione sostiene le misure dell'organizzazione per promuovere il turismo svizzero e l'immagine della Svizzera come destinazione di viaggio.


02.09.2020
Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.