Prevenire la carenza di iodio

Lo iodio è una sostanza naturale di vitale importanza per la nostra salute. Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica, una donna su sette assume troppo poco iodio. Quali generi alimentari contengono iodio, e come fare per impedire che vi siano fenomeni di carenza?
Lo iodio è un importante oligoelemento che svolge un ruolo essenziale, soprattutto nelle fun-zioni fisiologiche basilari nonché per lo sviluppo e la crescita del cervello. Il fisico non è però in grado di autoprodurlo da solo, motivo per cui è fondamentale assumere a sufficienza dei generi alimentari che lo contengano. Durante la vita, l’essere umano richiede diverse quantità di iodio, in funzione dell’età, delle fasi di crescita, dello sviluppo e del consumo di energia. La Società svizzera di nutrizione consiglia di assumerne giornalmente 180-200 microgrammi.

Quali alimenti contengono iodio?

La migliore fonte di iodio sono i pesci di mare, le alghe, i molluschi e crostacei. Dato che solo pochissimi Svizzeri ne mangiano almeno due volte alla settimana, dagli anni 20 è in vendita il sale da cucina iodato. Anche il latte, i latticini e le uova contengono iodio, mentre la carne e il pollame solo in quantità esigue. In Svizzera, oltre al sale iodato, gli alimenti preferiti – il pane, il latte e il formaggio – forniscono l’apporto maggiore e sufficiente al fabbisogno.

L’insorgere di seri problemi di salute dovuti a una carenza di iodio

Chi assume costantemente troppo poco iodio incorre nel pericolo di ammalarsi. Nel caso di bambini piccoli una sua carenza può portare a uno sottosviluppo fisico e mentale. Tuttavia anche in età adulta una tale insufficienza può suscitare un peggioramento della salute. Le pos-sibili conseguenze sono la formazione del gozzo, l’ingrossamento della tiroide, la riduzione delle facoltà mentali, il sordomutismo e una statura piccola.

Consigli per un’alimentazione sufficiente

  • Consumate giornalmente 3 porzioni di latte, latticini e pane con sale da cucina iodato;
  • Condite il cibo con sale iodato;
  • Mangiate, da una a due volte alla settimana, del pesce di mare, ad esempio salmone, merluzzo o frutti di mare. Bastano 100gr di merlano nero per coprire il fabbisogno giornaliero di 180-200μg;
  • Durante la gravidanza e l’allattamento, previa consultazione medica, si consiglia di sopperire all’aumentato fabbisogno assumendo un integratore alimentare.

04.03.2015

Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.