Cecità da neve: «Scottatura solare dell’occhio»

Con un tempo invernale splendente, condizioni di pista perfette e temperature gradevoli sono in molti a recarsi in montagna. Oltre a un abbigliamento invernale che tiene caldo, e alla crema solare, non bisogna tuttavia mai dimenticarsi di portare sempre gli occhiali da sole. Questo perché non solo la nostra pelle, ma anche gli occhi sono soggetti a scottature solari.
La «scottatura solare dell’occhio», o cecità da neve, è l’espressione comune per indicare un danno da luce della superficie oculare dovuta all’esposizione eccessiva o non protetta ai raggi ultravioletti. In montagna, i raggi UV sono più forti che in pianura. Inoltre, in inverno i raggi solari sono riflessi dalla neve; il che favorisce una lesione degli occhi simile alla scottatura.

Prevenzione

Ecco come proteggere al meglio i vostri occhi dalla cecità da neve.

  • Indossare occhiali da sole certificati con un’elevata protezione contro i raggi UV. Per i bambini si consigliano lenti in plastica, a causa del rischio d’incidente.
  • Un’ulteriore protezione laterale degli occhiali protegge inoltre dalle radiazioni laterali.
  • Le lenti a contatto con protezione UV aiutano solo parzialmente, poiché lasciano esposte alla luce le parti dell’occhio non protette. Pertanto, anche i portatori di lenti a contatto dovrebbero sempre indossare gli occhiali da sole.

Sintomi

Spesso i disturbi si verificano con un certo ritardo, dopo che sono passate dalle 3 alle 12 ore. Le seguenti caratteristiche indicano un’eventuale cecità da neve:

  • occhi arrossati e infiammati
  • forti dolori agli occhi
  • sensazione di un corpo estraneo nell’occhio
  • lacrimazione più abbondante
  • crampo alla palpebra (blefarospasmo), ossia una chiusura protratta degli occhi a causa della sensibilità alla luce.

Trattamento

Se soffrite di uno dei sintomi citati, le raccomandazioni elencate qui di seguito dovrebbero aiutarvi a lenire il dolore:

  • raffreddare le palpebre con impacchi freddi;
  • riposare in un locale gradevolmente oscurato;
  • togliere eventuali lenti a contatto, per evitare un ulteriore sfregamento;
  • per lenire il dolore possono essere assunti anche farmaci non soggetti a prescrizione come paracetamolo o ibuprofene;
  • in caso di forti dolori si consiglia di applicare una pomata o gocce per gli occhi, e di recarsi dal medico.

18.02.2015


Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.