Combattere l’alitosi

Dopo un pasto contenente aglio o cipolla è risaputo che si abbia un alito poco gradevole. Ma si tratta di un cattivo odore che dopo un po’ svanisce. L’alitosi cronica invece è una fonte di grave disagio per chi ne è affetto e può causare problemi nel relazionarsi con gli altri.

Circa un quarto della popolazione mondiale è afflitto da alito cattivo permanente, ma sul problema si preferisce tacere. Eppure è molto importante scoprirne le cause per poterlo combattere.

 

Diverse cause scatenanti

In generale si distingue tra cause locali e cause sistemiche. Nel 90% dei casi circa l’alito cattivo ha origine nel cavo orale e della gola e tra i fattori scatenanti troviamo gli insediamenti batterici sulla lingua, le gengiviti, le parodontiti, le carie, la scarsa salivazione, le infezioni locali o un’insufficiente igiene orale. Più raramente l’alitosi è dovuta agli effetti sistemici determinati per esempio da squilibrio della flora intestinale, assunzione di farmaci a base di zolfo, malattie come insufficienza renale, diabete mellito o sinusite.

Anche l’alimentazione può influire notevolmente sulla freschezza dell’alito. Per esempio le diete che riducono o escludono del tutto l’assunzione di carboidrati possono spesso causare l’alitosi, che da un lato si manifesta come conseguenza del cambiamento del metabolismo (chetosi) e dall’altro come conseguenza di un’alimentazione ricca di proteine che consente ai batteri presenti nel cavo faringeo di proliferare e di produrre composti a base di zolfo.

 

L’igiene orale prima di tutto

Il rimedio più efficace per combattere l’alitosi è l’igiene dentale. È importante lavarsi i denti due volte al giorno per circa due minuti e non dimenticare di spazzolare anche la lingua. I batteri responsabili del cattivo odore si raccolgono soprattutto nella parte posteriore della lingua. Non è necessario utilizzare un apposito raschietto linguale, basta il classico spazzolino. Inoltre bisogna usare quotidianamente il filo interdentale per eliminare i frammenti di cibo che si depositano negli spazi fra i denti.

 

Altri consigli contro l’alitosi

  • Bevete acqua a sufficienza per mantenere il cavo orale ben idratato perché una bocca secca è terreno fertile per la proliferazione dei batteri.
  • Masticate chewing gum (preferibilmente senza zucchero) per stimolare la produzione di saliva.
  • Rinunciate o perlomeno riducete il consumo di tabacco e alcool poiché questi intensificano l’alito cattivo.
  • Il digiuno o le diete radicali possono portare a bruciore di stomaco e reflusso gastroesofageo per mancanza di calorie e sostanze nutritive. Cercate di alimentarvi in modo equilibrato e salutare.
  • Il tè alla salvia può essere un rimedio veloce, bevetelo o fate gargarismi per eliminare i gas di zolfo.

Se però, nonostante un’accurata igiene orale e dopo aver seguito tutti questi consigli, continuate a soffrire di alitosi allora vi consigliamo di consultare un dentista.

 

29.08.2018

Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.