Quando il consumo di alcol quotidiano diventa un problema

Il fatto che l’alcol danneggi l’organismo è risaputo. Ma quanti sono effettivamente i bicchieri di bevande alcoliche che si possono bere e con quale frequenza senza rischiare conseguenze negative per la salute? Abbiamo riassunto per voi alcuni fatti importanti.

Una birra dopo il lavoro, un bicchiere di vino rosso a cena o un goccio di whisky davanti al televisore. Molte persone bevono volentieri alcol dopo una giornata stressante per la piacevole distensione fisica, energia e allegria che esso induce. Ma questi effetti di benessere fisico e mentale possono avere come conseguenza la tendenza a bere di più. Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in Svizzera una persona su cinque beve occasionalmente o regolarmente troppo alcol. Ma qual è la quantità di alcol da considerarsi eccessiva? La nuova campagna «L’alcol altera la percezione della realtà» mette in luce le conseguenze associate al consumo eccessivo di alcol e informa sui suoi effetti.

La quantità di alcol tollerata da una persona senza che insorgano danni a lungo termine per la salute dipende da diversi fattori. Tra questi svolgono un ruolo importante l’età, il peso e il sesso. Gli uomini per esempio tollerano una quantità di alcol superiore rispetto alle donne grazie al fatto che l’organismo maschile è caratterizzato da un contenuto percentuale di acqua maggiore. Pertanto le donne presentano generalmente una maggiore sensibilità all’alcol. L’UFSP raccomanda i seguenti valori indicativi:

  • Gli uomini adulti sani non dovrebbero consumare più di due, al massimo tre bicchieri di bevande alcoliche al giorno.
  • Le donne adulte sane non dovrebbero consumare più di uno, al massimo due bicchieri di bevande alcoliche al giorno.
  • Un bicchiere standard corrisponde a tre decilitri di birra (con una gradazione alcolica del 4,5%), un decilitro di vino (con una gradazione alcolica del 12%) oppure 0,3 decilitri di grappa (con una gradazione alcolica del 40%), anche se il contenuto alcolico potrebbe variare molto a seconda del tipo di bevanda alcolica.
  • Astenersi dal bere alcol per almeno due giorni alla settimana, in modo da evitare il rischio della dipendenza e per consentire all’organismo di rigenerarsi.

 

Effetto e smaltimento

L’alcol influenza il nostro modo di agire e di percepire la realtà. Come già detto all’inizio, esso può in effetti avere un effetto rilassante, ma anche stimolante, disinibitorio ed euforizzante. Generalmente l’alcol produce il suo massimo effetto dopo circa 60 minuti, mentre per smaltirlo serve molto più tempo. Dopo all’incirca 12 ore il corpo ha smaltito approssimativamente l’1,2 per mille di alcol, il che corrisponde a quasi sei bicchieri standard per l’uomo e a quattro per la donna.

Per chi è troppo attratto dal bicchiere

Un consumo di cinque bicchieri per gli uomini e di quattro per le donne, a lungo andare, può diventare un problema. Dal punto di vista medico, dopo aver assunto queste quantità si considera raggiunto lo stato di ebbrezza e quindi una condizione in cui le capacità di reazione, di giudizio e di controllo sono ridotte e possono presentarsi difficoltà di concentrazione e di coordinamento. Inoltre, l’eccessivo consumo di alcol può anche causare gravi danni cerebrali e a una riduzione delle facoltà mentali.

Altri fatti e domande

Sul sito www.alcohol-facts.ch trovate altri fatti interessanti sull’alcol e un quiz con cui testare le vostre conoscenze sull’argomento. Per altre domande sul consumo di alcol, il sito riporta i link di diversi centri di contatto.

02.11.2016

Per ulteriori domande sulla salute gli assicurati SWICA possono avvalersi della consulenza gratuita di telemedicina di santé24 telefonando al numero +41 44 404 86 86. Grazie all’autorizzazione all’esercizio i medici di santé24 possono fornire anche altre prestazioni mediche agli assicurati con quadri clinici adatti alla telemedicina. L’app medica BENECURA permette agli assicurati SWICA di eseguire un SymptomCheck digitale e ricevere raccomandazioni su come procedere. In caso di contatto con santé24, il cliente decide di volta in volta se fornire a santé24 l’accesso alle informazioni sul suo stato di salute fornite nel SymptomCheck.