Consulenza LiveChat

La consigliano volentieri personalmente.

Da lunedì a venerdì: 18.30 – 21.30

Sabato: 8.00 – 17.30

Chat
IT-Leider steht der Chat gerade nicht zur Verfügung Richiamare & contatto

A vostra disposizione 24 ore su 24

Servizio clienti 7x24

Consulenza sulla salute sante24

Sede nelle vicinanze

SWICA Direzione generale Winterthur

Calcolatore dei premi

Mobbing, quando il lavoro fa ammalare

A chi non è mai capitato: stress sul posto di lavoro, critiche continue e colleghi che non rispettano gli accordi presi. Tuttavia se le offese, i commenti sprezzanti e le umiliazioni si protraggono nel tempo, è possibile che si tratti di un caso di mobbing. Che cos’è il mobbing e come ci si può difendere?

Secondo uno studio della Segreteria di Stato dell‘economia (SECO), condizioni di lavoro sfavorevoli non solo compromettono il successo economico di un’impresa, ma si ripercuotono in modo negativo sul benessere e sulla motivazione dei collaboratori nonché sul clima aziendale. Tra le condizioni considerate sfavorevoli figura anche il mobbing sul posto di lavoro. La vessazione e la discriminazione consapevole di un collaboratore sul lungo periodo rientrano in questa categoria. Spesso il mobbing emerge soprattutto in situazioni di stress, nei periodi di picco massimo, durante fusioni o ristrutturazioni aziendali.

Caratteristiche del mobbing
Gli atti tipici del mobbing sono, tra l’altro, le critiche costanti, l’assegnazione di compiti insensati, l’isolamento sociale, la diffusione di pettegolezzi e, in casi estremi, minacce di violenza e aggressioni. La vittima di mobbing spesso si sente depressa, disperata e insicura. Inoltre, soffre di disturbi psichici (ad es. incubi, mal di testa, stress) e fisici (ad es. dolori cervicali al collo e alle spalle, allergie, problemi gastrointestinali). Fate il test di autovalutazione (qui) per individuare se siete vittima di mobbing sul posto di lavoro.

Consigli per sconfiggere il mobbing

  • Opponetevi al mobbizzatore. Cercate di soffocare possibili conflitti sul nascere e restate calmi.
  • Tenete un diario per documentare le vessazioni subite. Vi servirà più avanti per ricordare situazioni ed esempi concreti.
  • Cercate il dialogo con il mobbizzatore. Evitate accuse e rimproveri e parlate in prima persona (ad es. «mi irrita…/ mi indigna…».
  • Rimanete obiettivi. Evitate risposte emozionali durante il colloquio e descrivete i vostri sentimenti in modo preciso ma neutrale.
  • Rivolgetevi al vostro superiore. Se gli atti di mobbing persistono, rivolgetevi al vostro superiore e illustrategli la situazione.
  • Cercate aiuto professionale. Molti centri di consulenza sono specializzati sul tema del mobbing.


Consulenza sulla salute 24 ore su 24
In caso di domande sulla vostra salute sono a disposizione gratuitamente, 24 ore su 24, per un consiglio specialistico i medici, psicologi e il personale medico di sante24. Su richiesta sante24 fissa un appuntamento con un medico. Tel. 044 404 86 86

 

17.09.2014


indietro