Consulenza LiveChat

La consigliano volentieri personalmente.

Da lunedì a venerdì: 18.30 – 21.30

Sabato: 8.00 – 17.30

IT-Leider steht der Chat gerade nicht zur Verfügung Richiamare & contatto

A vostra disposizione 24 ore su 24

Servizio clienti 7x24

Consulenza sulla salute sante24

Sede nelle vicinanze

SWICA Direzione generale Winterthur

Calcolatore dei premi

Allenamento miofasciale: quali sono i benefici?

Dopo una lunga giornata in ufficio o una faticosa sessione in palestra, l’allenamento miofasciale con l’ormai famoso «Blackroll» aiuta a rilassarsi, allevia i dolori e migliora la mobilità. Almeno, questo è ciò che promettono i rivenditori di articoli sportivi. Ma cosa ne pensano i medici?

Il termine «fascia» indica il tessuto connettivo, che tiene insieme il nostro corpo. Per visualizzare il concetto possiamo immaginarci un reticolo tridimensionale di fasci e fibre che ci avvolge e ci attraversa dalla testa ai piedi. Il tessuto fasciale, ad esempio, collega i muscoli alle ossa e dà sostegno agli organi.

Nel nostro apparato locomotore, il tessuto funge sia da collante che da lubrificante. Se le fibre muscolari sono flessibili ed elastiche, i nostri movimenti sono più fluidi e dinamici, mentre se sono «incollate» o fibrotizzate, per cosi dire, «infeltrite» la mobilità ne risente. Con il passare del tempo, un’attività fisica insufficiente provoca un irrigidimento delle fibre muscolari. Le fasce sono ricche di recettori nervosi, per questo si ipotizza che siano la causa di svariati dolori di cui finora si ignorava quasi totalmente l’origine.

La riscoperta della fascia
Fino a qualche anno fa non si dedicava particolare attenzione al tessuto fasciale. Da quando il «Blackroll» – un rullo di forma cilindrica lungo circa 50 centimentri e alto 10 – ha iniziato a diffondersi nei centri fitness con sempre maggiore successo, la situazione è cambiata. Il «Blackroll» è divenuto il simbolo dell’allenamento miofasciale. A differenza del training tradizionale, il rullo permette di effettuare una sorta di automassaggio: la pressione, in questo caso, non viene esercitata da un massaggiatore, bensì dal peso corporeo. Questa tecnica dovrebbe aiutare a sciogliere indurimenti, aderenze e fibrotizzazioni (rigidità).

Il battage pubblicitario a favore del «Blackroll» fa spesso dimenticare che l’allenamento miofasciale non prevede solo esercizi con il rullo, ma anche stretching, yoga, pilates nonché movimenti molleggiati e oscillatori.

La «Cenerentola» della medicina
Le ricerche non hanno ancora fornito risultati chiari in merito all’utilità e all’efficacia dell’allenamento miofasciale. Di conseguenza, i medici rispondono con scetticismo alle domande sul tema. Una cosa però è certa: il tessuto fasciale è molto interessante sul piano medico e gli studi condotti finora non lo hanno esaminato con sufficiente attenzione. Parallelamente, la diagnosi dei dolori che coinvolgono le fasce continua a presentare molte difficoltà. Diversi fisioterapisti che già lavorano con il «Blackroll» esprimono comunque un giudizio positivo su questo nuovo strumento, che se utilizzato correttamente può accelerare la rigenerazione muscolare in seguito a lesioni e migliorare la mobilità.

Le persone con disturbi vascolari o linfatici e quelle che soffrono di infiammazioni cutanee o di osteoporosi, tuttavia, dovrebbero utilizzare con prudenza il «Blackroll». Anche le donne in gravidanza non possono svolgere tutti gli esercizi.

Per ulteriori domande sulla vostra salute, quali assicurati SWICA, potete contattare i medici e il personale paramedico di sante24, che sono a vostra disposizione per una consulenza gratuita, 24 ore su 24. Su richiesta, sante24 provvederà a fissare una visita medica. Tel. +41 (0)44 404 86 86

27.09.2017

indietro